Comunicare la biodiversitÓ

La leva del cambiamento


Comunicare l'un l'altro, scambiarsi informazioni Ŕ natura; tenere conto delle informazioni che ci vengono date Ŕ cultura.
J. Wolfgang Goethe - scrittore tedesco

Il concetto di biodiversitÓ Ŕ spesso associato a quello di qualitÓ ambientale, ed Ŕ opinione comune che un ambiente ricco in specie viventi, sia di per se, un ambiente che non ha subito il disturbo delle attivitÓ umane, e che di conseguenza preserva intatta la sua naturalitÓ; questo per˛ risulta vero solo in parte! poichÚ Ŕ importante notare che la "qualitÓ" di un ecosistema non concide necessariamente con quantitÓ e densitÓ di specie presenti.

Ad esempio esistono ecosistemi particolari, come le zone desertiche e quelle ricoperte da ghiacci o rocce, popolati da un numero relativamente basso di specie, che tuttavia devono essere preservati, non solo per gli endemismi, ma anche per l'unicitÓ dei paesaggi e le singolaritÓ delle relazioni tra le poche specie presenti (uomo compreso) e l'ambiente.

Comunicare la BiodiversitÓ vuol dire andare oltre alcuni stereotipi, ovvero non fermarsi a una visione troppo semplificata dell'ambiente, non solo in ragione della sua complessitÓ, ma anche delle unicitÓ dei rapporti tra specie-e-specie e specie-ambiente. Nel 2006 la Commissione europea ha infatti ribadito la necessitÓ di salvaguardare la diversitÓ biologica nella sue proprietÓ, al fine di intraprendere la strada di uno sviluppo realmente sostenibile.

Attualmente prende forza la necessitÓ di riconoscere il ruolo chiave della biodiversitÓ nell'intreccio con le comunitÓ e le attivitÓ dell'uomo, dato che queste (molto spesso), si sono sviluppate in conseguenza di una precisa identitÓ storica e culturare con la natura circostante.

La comunicazione in campo ambientale Ŕ difficile in conseguenza della complessitÓ dei concetti. Tuttavia, solo un approccio di tipo comunicativo e formativo, pu˛ garantire un diffuso cambiamento di modelli, stili di vita e valori, per avvicinarli maggiormente alla sostenibilitÓ.

La leva del cambiamento

L'educazione ambientale Ŕ uno strumento in grado di proiettare l'attenzione sui problemi e le minacce per l'ecosistema e l'umanitÓ, e muovere la societÓ verso un cambiamento nell'uso delle risorse, incrementando il riconoscimento dei servizi della natura e il rispetto del suo equilibrio.

Grado di consapevolezza

L'indagine Eurobarometro (2010) indica che la maggior parte dei cittadini europei ritiene di non essere adeguatamente informata sulla biodiversitÓ. La nuova indagine "Atteggiamento nei confronti della biodiversitÓ" stima che solo 38% degli europei conosce il significato di questo termine mentre 28% dichiara di aver giÓ sentito questa parola ma di non conoscerne il significato.

La maggioranza ritiene che la perdita di biodiversitÓ, sia un problema grave, anche se pensa che non risentirÓ personalmente di questa perdita, e solo 17% dei partecipanti ammette di avvertire giÓ questo problema.

Alla domanda su quale siano le minacce pi¨ serie per la biodiversitÓ, il 27% indica l'inquinamento, mentre il 26% cita le catastrofi provocate dall'uomo. I cittadini spiegano la loro inerzia nei confronti di questo problema con il fatto che sono poco informati sulle azionida intraprendere.

Comunicare la biodiversitÓ culturale ed ambientale Ŕ una necessitÓ, per comprendere che l'uomo Ŕ una specie e non solo l'insieme di differenti categorie sociali. Pensare per relazioni ed affrontare i problemi con una visione sistemica, Ŕ la manifestazione di un pensiero ampio e complesso (olistico), che permette di subordinare le scelte al senso del limite e di sostenere l'espressione della vita in tutta la Biosfera.